Archèia Blog - Associazione Culturale Archeia - arte, cultura e turismo

Associazione Culturale Archèia

Arte, Cultura e Turismo
Vai ai contenuti

“La vecchia scortecata” di Giambattista Basile

Associazione Culturale Archeia - arte, cultura e turismo


“La vecchia scortecata” è una trascrizione e rielaborazione di Giambattista Basile, letterato e scrittore napoletano vissuto in epoca barocca.

Nato nel 1566 a Giugliano in Campania,
fu il primo ad utilizzare la fiaba come forma di espressione popolare. Il suo capolavoro è “Lo cunto de li cunti” noto anche col titolo di "Pentamerone".

Strutturalmente infatti l’opera si ispira al modello boccaccesco, la narrazione è divisa in cinque giornate, ognuna delle quali comprende dieci fiabe, tra una giornata e l’altra sono inseriti dialoghi, al posto dell’ultima fiaba c’è "Fine della Fiaba delle Fiabe" e la "Conclusione alla introduzione dei trattenimenti".

Tra le fiabe più note ricordiamo “La Gatta Cenerentola”, prima e più antica versione di Cenerentola, ripresa poi dal Perrault e poi dai fratelli Grimm. Dalla stessa novella è tratta l’opera omonima di Roberto De Simone.


“Lo cunto de li cunti” ha inoltre ispirato il film “C’era una volta” del 1967 del regista Francesco Rosi e nel 2015 “Il racconto dei racconti (Tale of Tales) del regista Matteo Garrone che è un’esplicita trasposizione cinematografica di tre novelle: La cerva fatata, La pulce, La vecchia scorticata.

La nmidia, figlio mio, se stessa smafara
Trad.: L’invidia, figliuol mio, se stessa macera» (Sann., Arcadia, Egl. VI, v. 13).


Riproponiamo di seguito l'incipit de “La vecchia scorticata”:
"Lo re de Roccaforte se nnammora de la voce de na vecchia. E, gabbato da no dito rezocato la fa dormire cod isso. Ma, addonatose de le rechieppe, la fa iettare pe na fenestra. E, restanno appesa a n’arvolo, è fatata da sette fate, e, deventata na bellissema giovane, lo re se la piglia pe mogliere. Ma l’autra sore, nmediosa de la fortuna soja, pe farese bella, se fa scortecare, e more".

Trad.: "II re di Roccaforte si innamora della voce di una vecchia e, ingannato da un dito succhiato, la fa dormire con lui. Ma, accortosi delle pellacce, la fa gettare dalla finestra e, quella, rimasta appesa ad un albero, ha una fatagione da sette fate e, diventata una bellissima ragazza, il re se la prende in moglie. Ma l'altra sorella, invidiosa della sua fortuna, per farsi bella si fa scorticare e muore".

Questo è il link con la versione completa e commentata de “La vecchia scortecata”

© Copyright - All rights reserved



Nessun commento


Associazione Culturale Archeia - Arte, Cultura e Turismo. Sede legale via Ugo Foscolo, Gragnano (NA). CF 90091450636
Torna ai contenuti